Malesia, Barriera corallina a rischio, chiusura di siti marini

I fragili coralli della Malaysia sono messi a dura prova dalle temperature elevate dell’acqua e necessitano di una particolare attenzione: è per questo che le autorità di Kuala Lumpur hanno deciso di chiudere numerosi siti marini di grande interesse, nei quali non potranno più avere luogo attività di snorkeling. Dodici località attorno alle isole di Perhentian, Redang e Tioman ad est e Payar a ovest sono considerate off limits dall’inizio di luglio, ha confermato il direttore generale del dipartimento dei Parchi Marini, Abdul Jamal Mydin. Nell’area interessata, i coralli hanno subito seri danni, alcuni in percentuale del 90%, a causa delle elevate temperature dell’acqua. Oltre 500.000 turisti si recano in vacanza nella zona ogni anno. Con questo provvedimento “ci aspettiamo una ripresa e un rapido miglioramento” della condizione dei coralli, ha detto Jamal, pur ammettendo che la Malaysia rischia di dovere affrontare una crisi del turismo.

(Apcom)