Michael Jackson e il ritrovamento della sua collezione nazista

 Nella dimora di Michael Jackson sono stati ritrovati una serie di cimeli appartenenti al periodo nazista. E mentre fiorisce l’idea di un’asta, in molti si chiedono il motivo di tale collezione impopolare. Il Daily Mail ha dichiarato che nella casa di Michael Jackson sono stati ritrovati una serie di cimeli appartenenti al periodo nazista: una vera e propria piccola collezione d’epoca della Seconda Guerra Mondiale. Tra l’oggettistica rinvenuti anche alcuni abiti di quell’epoca, che la star del pop avrebbe indossato durante i concerti. “La tormentata pop star sembrava ossessionato dal regime di Adolf Hitler, tanto da possedere una completa selezione di film e special televisivi” si legge nel magazine inglese. Il ritrovamento è stato reso possibile a causa della testimonianza di Norman Scherer, rivenditore di cimeli nazisti che avrebbe fornito al cantante alcuni oggetti di culto, spiegando quanto fosse un cultore del genere.

Gioia Tagliente