USA / Sparatoria in Arizona, ventiseienne entra in una abitazione uccide cinque persone, rapisce due bambini e poi si suicida

USA – Ha sparato e ucciso cinque persone, tra cui la moglie, prima di togliersi la vita. La tragedia è avvenuta nel fine settimana in Arizona, nella località di Lake Havasu City. Secondo quanto riporta oggi la Cnn online, la sparatoria è avvenuta poco prima della mezzanotte di sabato: Brian Diez, 26 anni, è entrato in una abitazione di Lake Havasu City sparando contro i presenti prima di rapire due bambini, poi risultati essere suoi figli, e darsi alla fuga. I proiettili hanno raggiunto sei persone: quattro sono morte sul colpo, la quinta e’ deceduta in ospedale, mentre una sesta è tuttora ricoverata
Le vittime sono state identificate come Deborah Langastaff, 23 anni, moglie dell’aggressore con il quale era in corso una battaglia legale per la custodia dei figli, Primo Verdone, 24, Russelle Nyland, 42, Ashley Nyland, 20 e Brock Nelson, 20.
Scattato l’allarme, la polizia di Lake Havasu City ha ritrovato l’auto di Diez parcheggiata davanti ad una abitazione a Rancho Cucamonga, in California, a 250 miglia dal luogo della tragedia. ”Al loro arrivo gli agenti hanno scoperto il corpo del giovane che si era tolto la vita con un colpo di pistola”, si legge in un comunicato della polizia.
I due bambini rapiti, Kaia Deiz, 4 anni e Cole Diez, di appena 13 mesi, sono stati ritrovati sani e salvi nella stessa abitazione e consegnati poi ai parenti. Ignoti, al momento, i legami fra le vittime.

Fonte: Ansa