BALCANI / Serbia, apertura di una missione serba al comando Nato di Bruxelles

BALCANI – La Serbia è pronta a stabilire una propria missione presso il quartier generale della Nato a Bruxelles in occasione della visita del ministro della difesa serbo Dragan Sutanovac, “nel corso del mese di settembre”, ha dichiarato un portavoce del ministero. La missione dovrebbe essere composta da un ambasciatore e dai sei ufficiali.

La Nato ha ammesso la Serbia al programma Partenariato per la Pace (PfP) nel dicembre 2006 e subito dopo ha aperto un ufficio di collegamento militare a Belgrado.

Quasi due anni dopo, nell’ottobre del 2008, Sutanovac e l’allora segretario generale della Nato, gen. Jaap de Hoop Scheffer, hanno siglato un accordo di base sulla sicurezza che consentiva lo scambio di informazioni classificate tra i membri del PfP e le 28 nazioni della Nato.

L’apertura della missione serba al comando Nato di Bruxelles è un evidente segno di normalizzazione fra l’importante paese balcanico e l’Alleanza Atlantica, a distanza di undici anni dai pesanti bombardamenti aerei della Nato del 1999 contro la Serbia di Milosevic.

Andrea Bartoletti