TV / Morgan, il cantante racconta la sua verità a ‘L’Espresso’: “La droga è stata solo una scusa per mandarmi via”

Morgan

TV – ”Ero libero e il pubblico stava con me: finché mi hanno cacciato. Se non era la droga, avrebbero trovato un altro motivo”. Così Morgan, l’ex giudice di ‘X Factor‘, parla in un’intervista all’Espresso in edicola domani, della sua esclusione da Sanremo e dal talent show, che definisce ”pulizia” e attribuisce non solo alla sua intervista a Max, dove parlava della cocaina, ma anche al fatto di avere firmato il ‘Manifesto dei Concordi’ con Margherita Hack, Stefano Bonaga e Mimmo Calopresti.
”Nella famosa intervista a Max – spiega il cantante al settimanale – ho ripetuto cose che avevo in parte già detto. Nulla di scandaloso: ne esistessero di antidepressivi come la cocaina. Le sembra una frase da far saltare una carriera?” E aggiunge: ”Diedi l’intervista prima di Natale e uscì all’improvviso a febbraio. Da lì fu un crescendo”. Inoltre, spiega ancora Morgan, ”avevo firmato il ‘Manifesto dei Concordi’ con Margherita Hack, Mimmo Calopresti e Stefano Bonaga. Dice cose forti, che pochi in Italia oggi hanno le palle di dire. E io da quel momento sono in esilio. Creda a me: la droga è un problema. Ma è usato a pretesto. Se non era quello, era un’altra cosa”. ”E’ una normalissima pulizia”, aggiunge.
Morgan, che partecipò a una puntata di ‘Porta a Porta’ per scusarsi, afferma di essere andato da Bruno Vespa ”perché mi hanno promesso, veramente, che se l’avessi fatto sarei tornato a Sanremo. Proprio così: tu vieni qua, che poi vai a Sanremo”. E annuncia di raccontare tutta la sua verità in un fumetto che uscirà a Natale De Agostini, con Morgan protagonista. ”Si intitola ‘Le macchine molecolari’. Ecco – conclude – lì ci sarà questa mia storia”.

Fonte: Adnkronos.com