IRAN / Pena di morte, Ong Human Rights denuncia più di settanta esecuzioni nel 2009, mentre si attende via libera per giustiziare oltre mille detenuti

IRAN – “Abbiamo notizie di decine, forse centinaia di esecuzioni e crediamo che altre centinaia di detenuti siano in pericolo di vita”.
Sono queste le parole, riportate dal quotidiano “La Repubblica”, di Mahmood AmiryMoghaddam, portavoce di Iran Human Rights. L’Ong ha pubblicato un rapporto choc sulle esecuzioni nel carcere di Vakilabad, a Mashhad, nel nord-est del Paese.
Qui, secondo le ricostruzioni, nel 2009 sono state impiccate fra le 50 e le 70 persone. Iran Human Rights parla anche di una lettera “segreta” con cui il capo della magistratura, Sadegh Larijani, ha chiesto all’ayatollah Khamenei il via libera per giustiziare 1120 detenuti, la cui condanna a morte è già stata approvata dalla corte suprema.
“La storia della signora Asthiani – ha detto in un’intervista pubblicata oggi su “Repubblica” Mohammad Mostafei, avvocato di Sakineh, la donna iraniana condannata alla lapidazione per adulterio e complicità nell’omicidio del marito – è diventata un caso diverso dagli altri solo grazie all’attenzione internazionale che si è creata. Soltanto per questo le autorità iraniane non hanno ancora preso una decisione finale su di lei”.

Fonte: Adnkronos