POLITICA / Lega Nord, Bossi: “Il presidente Berlusconi è dimezzato”

POLITICA – Un presidente del consiglio “dimezzato”. Così il ministro Umberto Bossi ha definito ieri sera a Chiavari, durante un comizio per il ventennale della nascita della Lega Nord Liguria, il premier Silvio Berlusconi. “Speriamo che Fini non dia fuori di testa -ha sottolineato il leader leghista- perché se no Berlusconi avrà difficoltà enormi a trovare i numeri per fare approvare le leggi. Comunque vada -ha rassicurato i militanti che assistevano al suo intervento- il federalismo passerà perché, anche se si andasse al voto, i ministri sarebbero sempre in azione fino alla nomina dei ministri del successivo governo”. Secondo Bossi, però, per portare a termine la legislatura “il povero Berlusconi dovrà fare una faticaccia perché dovrà chiedere i voti all’Udc o a Fini”.

E proprio a proposito del discorso che il presidente della Camera terrà domenica a Mirabello, il ministro per il federalismo ha dichiarato: “Fini volera’ basso perche’ in certi momenti bisogna essere cauti, certamente non dirà che fa un nuovo partito”. Interpellato da un giornalista, a margine del comizio, su chi volesse come ministro dello Sviluppo economico Bossi ha spiegato: “Vorrei Berlusconi e in alternativa uno della Lega: mettiamo Castelli che e’ bravo”. E poi alla domanda se avesse sentito le indiscrezioni giornalistiche secondo cui Berlusconi avrebbe temporeggiato nella scelta del nuovo ministro per assegnarlo all’Udc, il leader della Lega ha risposto: “Spero di no, io mi fido di Berlusconi. L’Udc a me non piace, ha fatto saltare la vittoria di Cota a Torino”. Prima di lasciare la festa, Bossi ha anche commentato con una pernacchia la proposta di alleanza con i finiani in caso di elezioni anticipate, avanzata dal presidente dell’assemblea nazionale del Pd Rosy Bindi: “E’ una cosa un pò ridicola – ha sottolineato il ministro per il federalismo- tanto vinciamo noi comunque e, se fanno quell’alleanza, vinciamo di sicuro”. Riferendosi alla Bindi il leader della Lega ha infine aggiunto: “Da quando Berlusconi le ha detto quella frasaccia è diventata più aggressiva -per poi concludere con una battuta- Mai fidarsi delle donne”.

fonte: Apcom