AGRICOLTURA / Honey show, dal 10 settembre a Montalcino prende il via la Settimana del miele

AGRICOLTURA – Tutto l’universo del miele all'”honey show” di Montalcino, l’esclusivo evento che vede protagonista assoluto il dolce prodotto delle api: dalle degustazioni in abbinamento alle grandi opere d’arte della pittura senese ai trattamenti di bellezza, dai laboratori sensoriali condotti da esperti alle visite guidate nelle aziende apistiche del territorio.
Alla ”Settimana del Miele” di Montalcino (10-12 settembre) un ricco programma attende gli honey-lovers, che qui hanno la possibilita’ di conoscere, assaggiare e acquistare decine di tipologie di mieli in arrivo da tutte le regioni d’Italia.
E’ un’anteprima nazionale la ”degustazione ad arte” (12 settembre) su ”L’oro del miele e l’oro della pittura senese” presso i Musei Riuniti di Montalcino, in collaborazione con l’Apt di Siena: un viaggio attraverso i sensi che accosta il gusto del dolce prodotto delle api alla bellezza delle opere uniche di grandi maestri del Duecento e Trecento.
I laboratori sull’analisi sensoriale del miele, condotti da esperti iscritti all’albo nazionale, rappresentano invece un’occasione unica per imparare a distinguere le principali tipologie di miele e accostarle perfettamente ai formaggi. Per stuzzicare la vanità femminile ci sono i trattamenti a base di miele e altri prodotti delle api, con dimostrazioni e massaggi fatti da esperte degli stabilimenti termali di Chianciano Terme e Bagno Vignoni. 
”A disposizione degli amanti del miele – ha spiegato Hubert Ciacci, presidente della ‘Settimana del Miele’ – anche la possibilità di fare visite guidate nelle aziende apistiche del territorio, per trasformarsi per un giorno in veri apicoltori, con tanto di tuta e maschera di protezione per guardare le api da vicino”.
Inoltre sarà possibile fare shopping di vasetti in arrivo da tutte le regioni, grazie ad una gamma completa delle infinite varietà prodotte in Italia, che con le sue notevoli variazioni ambientali e climatiche e’ l’unico Paese al mondo in cui vengono prodotti i gusti piu’ ricercati, dal girasole al rododendro, dalla sulla alla melata. Per il miele toscano sarà creato uno speciale corner, con assaggi esclusivi delle varietà regionali selezionate da Arpat (Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani) e Conapi. Nei ristoranti di Montalcino si potranno ordinare esclusive ricette a base di miele ideate per l’occasione. 
Un esperto apicoltore sarà sempre disponibile per dare informazioni sulle proprietà dei prodotti dell’alveare – come propoli, pappa reale, cera e polline. Sarà possibile osservare un alveare – protetto da pareti in vetro e struttura in plexiglas – e conoscere gli strumenti essenziali per la produzione del miele.
Spazio anche alle dimostrazioni delle più moderne attrezzature apistiche e un tavolo per la contrattazione di partite di miele toscano.La medievale Fortezza di Montalcino, le vie del centro, i ristoranti e i negozi del paese offriranno la possibilita’ di trovare delizie mellifere per tutti i gusti: dai cosmetici completamente naturali passando per digestivi e liquori, fino ad approdare a caramelle, cioccolato, confetture e biscotti. In piu’ mostre fotografiche, spettacoli musicali e convegni con docenti universitari, esperti, studiosi e istituzioni che offrono l’opportunità di conoscere meglio una realtà che da secoli rappresenta una grande risorsa per l’Italia.

Fonte: Adnkronos