CASAROTTO / Condizioni gravissime, dato il via libera per l’espianto degli organi

CASAROTTO – TRIESTE, 12 SET – Continuano a essere disperate le condizioni di Thomas Casarotto, il ciclista diciannovenne caduto venerdì scorso durante il Giro del Friuli Venezia Giulia, e i genitori hanno già dato il consenso a un eventuale espianto degli organi in caso di morte cerebrale. Lo rende noto in serata un comunicato della Uc Arcobaleno Generali di Mestre, società per cui correva Casarotto, ricoverato in terapia intensiva all’Ospedale di Udine. Thomas continua a vivere con l’ausilio delle apparecchiature per la respirazione artificiale, ma i danni cerebrali subiti nella caduta rendono praticamente impossibile un intervento chirurgico. Nel caso in cui fosse riscontrata la morte cerebrale del ragazzo vicentino, verrà affidata a un consiglio di tre medici la decisione di staccare la spina. Intanto oggi il corridore veneto Gianluca Milani ha dedicato a Thomas Casarotto la prima vittoria da lui ottenuta in una gara dilettanti a Verona. Milani corre per la Zalf Desiree Fior, squadra dove lo scorso anno militava lo sfortunato ciclista vicentino.

Ansa