CANONE RAI / Finanziaria 2008, l’abolizione per gli ultra 75enni è ora realtà

CANONE RAI – L’Agenzia delle Entrate comunica che finalmente si può applicare la disposizione, prevista nella Finanziaria 2008, che elimina il pagamento della tassa di possesso del televisore (CANONE RAI) a chi ha più di 75 anni.
La CIRCOLARE N. 46/E del 20 settembre 2010 spiega come precedere per ottenere l’esenzione. Accolta anche la richiesta fatta da Adiconsum – dichiara Pietro Giordano, Segretario nazionale – che chiedeva l’abolizione dei limiti quantitativi alla fruizione del beneficio e quindi la possibilità per tutti coloro in possesso dei  requisiti di avere diritto all’esenzione del canone dal 2008. Altra buona notizia è che si ha diritto a non pagare i canoni regressi.

I requisiti per non pagare il canone Rai sono:

a) aver compiuto 75 anni di età entro il termine per il pagamento del canone di abbonamento RAI (attualmente il 31 gennaio e il 31 luglio di ciascun anno);

b) non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge;

c) possedere un reddito che, unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilità.

Inoltre:

per avere diritto all’esenzione occorre inviare un apposito modulo (pubblicato anche sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it), entro il 30 aprile di ogni anno. Se non cambiano i requisiti non è necessario ripetere l’invio del modulo ogni anno;

– per l’esenzione dell’anno in corso occorre inviare il modulo entro il prossimo 30 novembre;

– anche chi, negli anni passati, non ha pagato  o deve chiedere il rimborso, deve compilare ed inviare il modulo entro il 30 novembre. Chi ha già fatto domanda di esenzione otterrà il rimborso richiesto.

Per assistenza rivolgersi ai patronati e agli sportelli territoriali di Adiconsum (www.adiconsum.it)

Alternativasostenibile.it