MOGGI AL PROCESSO CALCIOPOLI RISPONDE A BALDINI / “Lui prova del rancore nei miei confronti perchè è incapace”

MOGGI AL PROCESSO CALCIOPOLI RISPONDE A BALDINI – Franco Baldini, nel corso dell’udienza del primo ottobre scorso, dopo averlo accusato di aver brigato per farlo allontanare dalla Roma, lo defini’ “uomo senza qualita’”. Innescando una reazione che a momenti faceva finire l’udienza in rissa. Stamattina, nel corso del nuovo dibattimento tenutosi questa mattina presso il tribunale di Napoli nell’ambito del processo a Calciopoli, e’ arrivata la risposta di Luciano Moggi. L’ex Dg della Juventus, e’ prima intervenuto a fine udienza con una dichiarazione spontanea, ricordando le parole di Rosella Sensi sulla vicenda. “Alla riunione in Campidoglio dell’aprile 2004 erano presenti Veltroni e Giraudo, ma quest’ultimo non fece alcuna pressione circa la posizione di Baldini nell’ambito della Roma, questo ha dichiarato la Sensi”, ha detto Moggi. Che a fine udienza ha rincarato la dose: “Le cose che ha detto Franco Baldini nascono dal rancore che lui ha perche’ non e’ capace. Le dichiarazioni della Sensi lo hanno dimostrato. Ve le rileggo: ‘Moggi non ha mai detto di cacciarlo via, perche’ non era neppure alla riunione che abbiamo avuto con Veltroni in Campidoglio. Lo abbiamo mandato via visto che era finito il rapporto di fiducia dopo quello che era successo con Mexes’, giocatore che doveva arrivare in maniera gratuita e che invece e’ costato 5 miliardi e poi e’ stato anche squalificato per un anno – sono le parole di Luciano Moggi – Baldini ha reso falsa testimonianza, quando ha chiamato Auricchio ‘maresciallo’ mentre ha detto qui a Napoli che ci collaborava; ha detto addirittura che Auricchio e’ andato a pranzo a Trigoria in occasione di una conferenza stampa. A parte che vorrei capire cosa ci faceva Auricchio alla conferenza di un allenatore E’ quindi evidente che ha detto un’altra menzogna. Alla fine del processo non solo lo querelo, ma gli chiedero’ i danni”. Infine, alla domanda se rinuncera’ alla testimonianza di Moratti, l’ex Dg della Juve ha risposto cosi’: “Allo stato delle cose non ce ne sarebbe neppure bisogno perche’ si e’ manifestato tutto, ma resta nella lista”

Fonte: Ansa