IL 46% DEL CIBO È RAPPRESENTATVIO DELL’IDENTITÀ NAZIONALE / Coldiretti, apre la seconda giornata del forum sull’alimentazione

IL 46% DEL CIBO È RAPPRESENTATVIO DELL’IDENTITÀ NAZIONALE – La cucina e i piatti della tradizione italiana sono l’aspetto piu’ rappresentativo dell’identità nazionale per il 46% degli italiani che li ritengono più significativi della cultura (37%) della moda (9%), del calcio (5%) e della scienza e tecnologia (3%).
E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti-Swg presentata nel corso del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione organizzato dalla Coldiretti a Cernobbio dove, per celebrare i 150 anni dell’Unità di Italia, è stata apparecchiata per la prima volta ”la tavola dei piatti che hanno unito l’Italia” in collaborazione con Casa Artusi. A Pellegrino Artusi si deve il primo codice alimentare del Bel Paese.
L’unità d’Italia in cucina è avvenuta proprio “grazie al libro di Pellegrino Artusi e oggi -secondo la Coldiretti- inneggiare al ritorno della vera cucina italiana descritta dall’autore, autenticamente sana, con soli ingredienti del Bel Paese, senza spezie esotiche, kebab, ogm e i tanti discutibili prodotti industriali, rappresenta senza dubbio il miglior modo per festeggiare i 150 anni dell’unità d’Italia”.
Molti dei piatti descritti per la prima volta da Artusi sono frutto di un mix delle diverse esperienze regionali che sono diventati oggi il simbolo del Paese: dal ”sugo di carne” alla balsamella, dai maccheroni alla napoletana al risotto alla milanese, dalla fiorentina ai saltimbocca alla romana fino al minestrone che sotto un unico nome lungo tutto lo stivale incorpora pero’ ingredienti diversi.

Fonte: Adnkronos