PROTESTA LAVORATORI GEAS / Stazione di Cagliari, 70 operai salgono sul tetto, il Prefetto fallisce la mediazione

PROTESTA LAVORATORI GEAS – Fallisce la mediazione del Prefetto di Cagliari e si inasprisce la vertenza dei lavoratori della Geas, la ditta del gruppo Mazzoni che ha in appalto le pulizie dei treni della Sardegna e dello scalo ferroviario del capoluogo. Ora sono diventati 70 gli operai asserragliati sul tetto della stazione per protesta contro il mancato pagamento degli stipendi. Uno spiraglio si era intravisto questa mattina quando il Prefetto Giovanni Balsamo aveva tentato di concordare un incontro a Roma tra le parti, che pero’ non c’e’ stato. E non c’e’ stato alcun seguito nemmeno per l’incontro in Prefettura, cominciato alle 11 e aggiornato alle 16.30 per attendere i risultati dell’annunciato vertice romano, poi saltato. Il Prefetto ha posto un limite numerico alla delegazione sindacale (due rappresentanti per sigla) e per tutta risposta i sindacalisti di Filt-Cgil, Cisl e Salpos Orsa si sono rifiutati di risedersi al tavolo delle trattative. Si profila quindi un muro contro muro, con i lavoratori che si preparano a trascorrere la terza notte all’addiaccio. ”E’ assurdo – sbottano Davide Fenu, Salpos-Orsa, Sandro Bianco, Filt-Cigl e Walter Carta Fit-Cisl – siamo lo stesso numero di questa mattina. Qui non sale nessuno se gli operai devono restare fuori dalla delegazione. Sono loro i protagonisti di questo dramma della disperazione”.

Ansa