L’ASPIRINA RIDUCE IL RISCHIO DEL CANCRO ALL’INTESTINO / Uno studio della Oxford University rivela che l’impiego giornaliero del farmaco diminuisce del 24% le possibilità del tumore intestinale e la mortalità del 35%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:04

L’ASPIRINA RIDUCE IL RISCHIO DEL CANCRO ALL’INTESTINO – Una compressa di aspirina al giorno può aiutare a prevenire il cancro intestinale fino al 24%: è quanto sostiene uno studio pubblicato su Lancet da un gruppo di studiosi della Oxford University. Lo studio, condotto su 14 mila pazienti monitorati per 20 anni, ha messo in evidenza che, oltre a prevenire diverse patologie cardiache, un’aspirina al giorno nelle persone di mezza età può arrivare a ridurre di un quarto l’incidenza di tumore all’intestino e fino al 35% i casi di mortalità a causa della stessa patologia
. “Per persone di mezza età in salute quello di assumere l’aspirina può essere un buon consiglio – spiega Peter Rothwell, primo autore dello studio -. L’aspirina genera infatti un leggero beneficio per le malattie vascolari, già conosciuto, e ora sappiamo che può provocare anche un grande vantaggio per questo tipo di tumore”.
L’aspirina, avverte Rothwell, è però pur sempre un farmaco: “Chiunque intende assumerla – conclude – dovrebbe prima consultare il proprio medico di famiglia”.

Fonte: Apcom