ARRIVANO GLI OSPEDALI ALIMENTATI DA ENERGIA “VERDE” E DOTATI DI CIBI BIOLOGICI / Ecco la sanità a “impatto zero”

ARRIVANO GLI OSPEDALI ALIMENTATI DA ENERGIA “VERDE” E DOTATI DI CIBI BIOLOGICI – ROMA, 24 OTT – Buone pratiche per la riduzione delle emissioni di Co2 e un investimento importante nelle energie rinnovabili, nel riciclo e nei cibi biologici. E’ questo che caratterizza i cosiddetti ”ospedali verdi”, cioe’ quelle strutture sanitarie che piu’ di altre sono attente al rispetto dell’ambiente e che, grazie a sistemi integrati di energie pulite, riescono a soddisfare parte del proprio fabbisogno energetico. Se a livello internazionale ci sono diversi esempi di ospedali green, il principale dei quali e’ il Dell Children’s Medical Center realizzato con materiali riciclati a Austin in Texas, in Italia questa pratica e’ ancora poco diffusa anche se sta diventando sempre piu’ un’esigenza. Apripista e’ stato, nel 2007, l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze che ha realizzato, con l’aiuto di team composto da architetti e psicologi dell’ambiente, una struttura biocompatibile, qualcosa che, come spiega la dottoressa Monica Frassineti, direttrice sanitaria, ”faccia pensare a chi entra di non trovarsi in un ospedale e aiuti a migliorare le condizioni psico-fisiche dei piccoli pazienti”. Ora anche agli Ospedali Riuniti di Bergamo tutta l’energia utilizzata sara’ al 100% verde, proveniente da fonti rinnovabili, con impatto ambientale nullo e prodotta localmente nel rispetto, quindi, del principio della filiera corta. Infine, anche il nuovo ospedale di Alba-Bra, che sorgera’ a Verduno, in provincia di Cuneo, sara’ tutto costruito secondo i principi dell’ecosostenibilita’.