C’ERA UNO 007 VICINO ALL’AUTOBOMBA DELL’ATTENTATO A BORSELLINO / Il pentito Spatuzza: “Il funzionario Aisi Narracci era presente mentre la vettura veniva imbottita di tritolo”

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

C’ERA UNO 007 VICINO ALL’AUTOBOMBA DELL’ATTENTATO A BORSELLINO – Il funzionario dell’Aisi Lorenzo Narracci, indagato dai pm di Caltanissetta nell’ambito dell’inchiesta sulle stragi mafiose del ’92, e’ stato riconosciuto dal pentito Gaspare Spatuzza, durante una ricognizione, come “il soggetto estraneo a Cosa nostra visto nel garage mentre veniva imbottita di tritolo la Fiat 126 usata nell’attentato al giudice Paolo Borsellino“.
A Spatuzza sono stati mostrate piu’ persone, tra cui il funzionario dei Servizi, simili di aspetto, dietro a un vetro. Il pentito non avrebbe avuto esitazioni.
Narracci, ex funzionario del Sisde tuttora in servizio all’Agenzia per la sicurezza interna (Aisi), è indagato dalla procura di Caltanissetta nell’ambito dell’inchiesta sulla strage del ’92 in via D’ Amelio a Palermo in cui vennero fatti saltare in aria con un’autombomba il procuratore aggiunto Paolo Borsellino e cinque poliziotti di scorta. Il funzionario, dopo la notizia del suo coinvolgimento nell’inchiesta, è stato allontanato dal suo precedente incarico e destinato ad altri compiti all’interno dell’Aisi.

 Fonte: Ansa.it