Salute e medicina, le mandorle combattono virus e infezioni virali

LE MANDORLE COMBATTONO VIRUS E INFEZIONI VIRALI – Che il cibo possa aiutare a combattere infezioni e malattie è ormai un dato di fatto. Alla lunga lista di alimenti benefici per il nostro organismo, si aggiungono ora le mandorle. Non che le proprietà benefiche delle mandorle siano una novità assoluta, sia chiaro; ma un nuvoo studio condotto dal Policlinico Universitario di Messina ha scoperto che alcuni componenti chimici naturali presenti nella pelle delle mandorle aiuta a rinforzare la risposta del sistema immunitario nei confronti di infezioni virali.

Le mandorle infatti sarebbero in grado di aumentare la capacità dei globuli bianchi di scoprire virus all’interno del nostro organismo, e ridurre la replicazione e la diffusione di agenti virali. Anche dopo essere state digerite, le mandorle continuano a sortire (anche solo parzialmente) il loro effetto immunitario.

La scoperta, a detta dei ricercatori, mostra che le mandorle possano aumentare l’abilità del sistema immunitario di combattere una vasta gamma di virus, dall’influenza al raffreddore. Mangiare regolarmente mandorle (anche se non è ancora chiara la quantità da ingerire) potrebbe inoltre aiutare a proteggerci dall’aggressione di virus, o a combattere infezioni già nate.

“La pelle delle mandorle è in grado di stimolare la risposta immunitaria e fornire una difesa anti-virale” spiega giuseppina Mandalari dell’Istituto per la Ricerca Alimentare.

La ricerca sulle mandorle, pubblicata sulla rivista Immunology Letters e finanziata dalla Almond Board of California, ha evidenziato che le mandorle rilasciano il loro contributo chimico benefico anche dopo la digestione.

L’effetto delle mandorle è stato sperimentato contro il Virus Herpes Simplex di tipo 2, virus notoriamente difficile da arginare per via della sua abilità di sfuggire al sistema immunitario riducendo la reazione del corpo alle infiammazioni. L’estratto di pelle di mandorle si è rivelato efficace anche contro questo virus tenace.

La pelle delle mandorle però sembra avere un effetto scarso o nullo dopo la bollitura, processo tradizionalmente usato per separare le mandorle dalla pellicola che le ricopre. Durante la bollitura infatti, la pelle delle mandorle perde una serie di agenti chimici (ancora da identifiare con esattezza, ma probabilmente polifenoli) che ne riducono l’azione anti-virale.

“Trovare alternative naturali per l’attività anti-virale è un’enorme area di interesse” dice Martin Wickham, membro del team di ricerca. “Le linee guida alimentari raccomandano di mangiarne fino a 80 grammi circa al giorno per ottenere benefici dalle fibre e dagli altri componenti chimici delle mandorle, ma dobbiamo ancora vedere se possa essere una quantità sufficiente ad ottenere effetti anti-virali. E’ stato solo uno studio iniziale per scoprire se la pelle delle mandorle possa avere questa attività virale. Il virus Herpes Simplex è un ottimo modello di infezione virale perchè è noto per evadere il sistema immunitario, e dato che le mandorle hanno avuto un impatto su questo virus, è corretto ritenere che possano avere effetto su altri virus”.

Questa ricerca arriva circa sei mesi dopo un altro studio condotto a Giuseppina Mandalari, nel quale si evidenzia come la pelle delle mandorle possa aumentare la popolazione di batteri “buoni” all’interno del’organismo. “Crediamo che gli effetti benefici sulle colonie microbiche osservati in questo lavoro siano stati prodotti dalla fermentazione dei carboidrati presenti nella pelle delle mandorle” ha spiegato Mandalari.

Daniele Bagnoli