Bersani attacca Berlusconi: “E’ inadatto a guidare il Paese”

Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani

ATTACCO DI BERSANI A BERLUSCONI – Non fa sconti il segretario del Pd Pier Luigi Bersani nel discorso tenuto all’assemblea dei segretari dei circoli del partito. Bersani attacca il premier Silvio Berlusconi sul caso Ruby, incalza Gianfranco Fini a staccare la spina al governo e infine annuncia che il Pd scenderà in piazza l’11 dicembre per parlare di democrazia, lavoro e solidarietà. 
Le principali critiche sono dirette al presidente del Consiglio, che Bersani giudica inadatto a governare. : “Non si possono fare, e nemmeno pensare, queste cose -dichiara, riferendosi al caso Ruby- e poi guidare il Paese”. “Non ne facciamo una questione di etica – prosegue il segretario del Pd- Stiamo parlando di politica: cioé ci domandiamo se in politica debba esistere una qualche forma di coerenza. La correttezza politica è un di più rispetto alla correttezza personale e non ci può essere politica senza civismo. Altrimenti può dire che è lecito non pagare le tasse, che le donne sono il dopolavoro del maschio, che gli omosessuali sono da disprezzare e un minore lo puoi sbattere su una strada”. Il leader del Pd ha poi letto l’articolo 54 della Costituzione, secondo il quale “chi ricopre incarichi pubblici ha il dovere di adiempirli con disciplina e onore”: questo dovere, secondo Bersani, non è stato rispettato dal presidente del Consiglio, visto quanto emerge dalle vicende di questi giorni sui festini nelle sue residenze private.

Tatiana Della Carità