Obama in Indonesia: “America mai in guerra con l’Islam”

OBAMA IN INDONESIA – Indonesia e Stati Uniti condividono principi di unità e tolleranza e possono entrambe trarre vantaggio da un rafforzamento delle relazioni che servirà a promuovere gli scambi commerciali e a contrastare il terrorismo. A dichiararlo è stato nel suo intervento alla University of Indonesia a Giacarta il presidente americano Barack Obama che ha scelto la visita in Indonesia per tornare a trattare il tema dei rapporti con l’Islam, oggetto del suo discorso al Cairo del giugno 2009. Gli Stati Uniti, ha sottolineato, non sono e non saranno mai in guerra con l’Islam. E proprio al discorso del Cairo ha fatto riferimento oggi, ricordando di aver invocato in quell’occasione «un nuovo inizio tra Stati Uniti e musulmani nel mondo, tale da creare una via che ci consenta di andare aldilà delle differenze». «Ho detto allora, e lo ripeterò oggi, che nessun singolo discorso è in grado di estirpare anni di sfiducia». Al contempo, ha promesso «non importa quali saranno le battute d’arresto, gli Stati Uniti sono impegnati alla realizzazione del progresso umano».

L’America «non è, e non sarà mai, in guerra con l’Islam», ha dichiarato Obama. «Invece, tutti noi dobbiamo sconfiggere Al Qaeda che non può pretendere di essere leader di alcuna religione, e certo non di una grande religione come l’Islam». Obama ha quindi sottolineato i progressi compiuti dal paese – teatro di violenti attacchi terroristici quali gli attentati di Bali del 2002 – «per sradicare i terroristi e combattere la violenza estremista». Obama ha quindi citato il periodo trascorso in Indonesia: «Anche se il paese della mia infanzia è cambiato per tanti aspetti, le cose che ho imparato ad amare dell’Indonesia – lo spirito di tolleranza scritto nella vostra costituzione, simboleggiato dalle vostre moschee e chiese e tempi gli uni vicini agli altri, quello spirito presente nel vostro popolo – quello continua ad esserci».

Il leader della Casa Bianca ha quindi spiegato di essere tornato ora come presidente degli Stati Uniti per cercare «una partnership profonda e durevole» con l’Indonesia, perchè come paesi vasti e diversi, come vicini su sponde diverse del Pacifico e soprattutto come democrazie, Stati Uniti ed Indonesia sono legati da interessi e valori comuni.

Fonte: Adnkronos