Berlusconi: non mi dimetto. Sono il primo in Europa con il 56% di gradimento

Il premier Silvio Berlusconi

BERLUSCONI DA LISBONA – “Sono il primo in Europa per l’apprezzamento del suo popolo: l’ultimo sondaggio mi dà al 56% di gradimento“, così ha detto il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa finale del vertice Nato a Lisbona.

“Incompreso? No. Semmai sono incompreso da coloro che hanno capito che la mia presenza è un ostacolo insormontabile perché la sinistra riesca a tornare al governo del Paese”, ha dichiarato Berlusconi ai giornalisti che gli chiedevano se si sentisse incompreso in Italia.

“Non mi dimetto, perché avremo una buona fiducia che ci permetterà di governare e fare le riforme. Non punto a due o tre voti, ma ad una maggioranza forte per governare”, ha precisato il premier riferendosi al prossimo voto di fiducia alla Camera.

“Se si andasse al voto anticipato, con tutte le notizie e i sondaggi, avremmo un’ottima affermazione per quanto riguarda la Camera e il Senato. Lo dico a ragion veduta”, ha sottolineato Silvio Berlusconi durante la conferenza stampa.

Riguardo alla vicenda di Mara Carfagna, Berlusconi ha detto: “Non mi ha fatto tribolare. È una cosa a cui non annetto particolare difficoltà”. “L’unica cosa che mi ha fatto stropicciare gli occhi -spiega Berlusconi- è stato vedere che i principali giornali italiani al posto di dare la notizia dell’approvazione della legge finanziaria con 62 voti di maggioranza e nel giorno in cui si teneva questo storico vertice della Nato, hanno titolato a piena pagina sulla signora Carfagna. E finiamola qui”, ha concluso.

Valeria Bellagamba