Max Giusti choc: “I miei colleghi? Molti evasori fiscali”

MAX GIUSTI INTERVISTATO DA SETTE – «Tra i miei colleghi ci sono troppi evasori». È Max Giusti a lanciare l’accusa in un’intervista al settimanale Sette, in edicola da giovedì 25 novembre. «Io a non pagare le tasse – prosegue il conduttore televisivo – non ci dormirei la notte. E ho un’ idea chiara sulla giustizia sociale. In Italia abbiamo pure gli atleti che si avvolgono nel tricolore e poi hanno la residenza a Montecarlo o a Londra».
«Sono di sinistra – ammette – ma con quello che guadagno e pago in tasse mi converrebbe essere berlusconiano». Max Giusti aggiunge però di aver fatto serate sia per i Ds, sia per Forza Italia, «ma per i Ds gratis – rivela – . Per Forza Italia a pagamento. Invece rifiutai molti soldi che An mi offrì per una crociera di partito. Con loro non ce l’ho fatta». «Non ho intenzione di rinunciare alla radio – dice Giusti, che conduce su Radio2 Super Max -, ci sto troppo bene. Poi una volta la settimana, la sera, condurrò Attenti a quei due con Fabrizio Frizzi e in febbraio dovrei ricominciare con Affari tuoi».
Sui risultati della versione serale di Affari tuoi nel 2009 dice: «non è andata bene, ma si sapeva. Nonostante ciò è andata in onda perchè costava poco e garantiva un minimo di resistenza a C’è posta per te della De Filippi. Diciamo che oggi nessuno in tv ha il coraggio di rischiare. Da anni si rifanno gli stessi programmi. Si va sul sicuro». Se fosse direttore generale della Rai per un giorno, «userei il satellite, Raidue e Raitre per sperimentare come un pazzo nuove trasmissioni e nuovi format. Poi passerei il meglio su Raiuno. Mi comporterei come se la Rai fosse un’azienda. Invece – conclude – tra canali quasi non ci si parla».

Fonte:leggo