Usa si schierano con Corea del Sud: Obama annuncia manovre militari congiunte nel Mar Giallo

USA SI SCHIERANO CON COREA DEL SUD – Gli Stati Uniti rimarranno “fianco a fianco” con la Corea del Sud dopo l’attacco subito ieri dalla Corea del Nord. E’ quanto ha ribadito il Presidente americano Barack Obama, in un’intervista all’emittente Abc. “La Corea del Sud è un nostro alleato – ha detto Obama – lo è dai tempi della guerra di Corea. E noi ribadiamo con forza il nostro impegno a difendere la Corea del Sud nell’ambito di questa nostra alleanza”.

 Gli Stati Uniti hanno 29.000 militari di stanza nella Corea del Sud. “Noi condanniamo con forza l’attacco e stiamo concordando un’azione comune della comunità internazionale per fare pressione sulla Corea del Nord”, ha aggiunto il Presidente Usa, citando esplicitamente il ruolo della Cina. Secondo Obama, ogni Paese della regione deve sapere che “questa è una minaccia seria e continua”. Stando a quanto riferito da una fonte dell’amministrazione Usa, funzionari americani a Washington e a Pechino stanno facendo pressioni sulla Cina perchè condanni l’attacco, sottolineando che si è trattato di un’azione che minaccia la stabilità dell’intera regione, e non solo quella della penisola coreana.

La Corea del Sud e gli Stati Uniti daranno il via a manovre militari navali congiunte a partire da domenica prossima. Lo hanno deciso il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e quello sudcoreano Lee Myung-Bak, all’indomani del bombardamento da parte della Corea del Nord di un’isola sudcoreana. Le manovre, che si svolgeranno nel Mar Giallo, dove si è verificato l’attacco di ieri, vedranno la partecipazione della portaerei americana George Washington, secondo quanto comunicato dall’agenzia sudcoreana Yonhap. Obama e Lee Myung-Bak hanno concordato di “innalzare il livello di preparazione” e di svolgere manovre militari congiunte “nei prossimi giorni”, ha annunciato la Casa Bianca, “per proseguire sulla strada della stretta cooperazione in materia di sicurezza tra i nostri due paesi e per sottolineare la forza della nostra alleanza e il nostro impegno per la pace e la sicurezza nella regione”, si legge nel comunicato della presidenza americana. Obama ha ugualmente rassicurato il presidente sudcoreano che gli Stati Uniti “restano al fianco” del loro alleato, dopo l’aggressione della Corea del Nord.

Apcom