L’astrofisica Margherita Hack approva le proteste degli studenti: “Finalmente si fanno sentire”

MARGHERITA HACK APPOGGIA PROTESTE DEGLI STUDENTI CONTRO RIFORMA GELMINI – L’astrofisica Margherita Hack ai microfoni di Cnrmedia esprime la sua soddisfazione rigurado alle proteste studentesche contro la riforma Gelmini: “Finalmente si fanno sentire”.
La Hack ha sottolineata che “una rivolta di tutto il mondo studentesco, dei docenti, dei ricercatori, era necessaria”. In quanto “si sta distruggendo un bene fondamentale per il futuro del paese. Solo un governo di ignoranti può pretendere di agire in questo modo. Gli studenti non manifestano a favore dei baroni, come dice la Gelmini, ma a favore di se stessi, dell’università”.
Rilancia l’astrofisica che “l’università non è un covo di gente messa in cattedra per favoritismi. Certo, ci sono episodi di questo tipo, ma sono episodi. In cattedra c’è molta gente valida. E lo prova il fatto che quando i nostri giovani emigrano, all’estero fanno fortuna e si trovano bene. Il che dimostra che la preparazione delle nostre università è buona”.
A preoccupare la Hack il fatto che in questa riforma “si voglia fare dei ricercatori dei precari a vita”. “Già son pagati male, se poi gli tolgono il contratto indeterminato è la fine – commenta Hack. Grave poi il fatto di voler burocratizzare i ricercatori, di mettere i privati nei consigli di amministrazione. L’università si deve occupare di ricerca pura. Non si deve trattare come un’azienda. Come diceva Calamandrei, è un ente costituzionale e come tale va trattato. Agli studenti voglio dire: andate avanti”.