Vertice Italia-Russia a Sochi: Berlusconi incontra Putin e Medvedev dopo l’affaire Wikileaks

VERTICE ITALIA-RUSSIA – È appena iniziato a Sochi, in Russia, il settimo vertice italo-russo, che vedrà oggi una folta delegazione di ministri italiani, guidati dal premier Silvio Berlusconi, incontrare i colleghi russi, per rafforzare la collaborazione e l’asse Roma-Mosca. E culminerà nella colazione che vedrà Berlusconi incontrare il premier moscovita Vladimir Putin.

Ad aprire i lavori – che hanno portato a Krapnaya Polyana, località montana alle spalle di Sochi, gran parte del governo di Roma – i bilaterali tra il ministro delle Attività produttive Paolo Romani e il ministro dell’Energia russo, Phmatko. Cui seguirà quello con il responsabile delle comunicazioni di Mosca, Sciogolev, e quello con il ministro russo dell’Industria e commercio, Khristenko. Contemporaneamente, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, si incontrerà con il suo omologo Lavrov, mentre il responsabile dell’Interno, Roberto Maroni, avrà un bilaterale con il collega russo Nurgaliv. E ancora ci sono in programma i bilaterali tra il responsabile della Difesa, Ignazio La Russa, con l’omologo moscovita Serdyukov, mentre il ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, vedrà il direttore per il servizio del turismo russo Yarockin. A fine mattinata ci sarà poi il bilaterale fra Berlusconi ed il presidente russo, Dmitri Medvedev. Seguirà la riunione plenaria, con la firma di una serie di accordi tra Roma e Mosca. I lavori termineranno all’ora di colazione, con un pranzo offerto da Medvedev cui parteciperà anche il premier russo, Vladimir Putin.

Una colazione che potrebbe essere l’occasione anche per affrontare l’affaire Wikileaks. Tra i principali temi attesi nei colloqui ci saranno comunque anche i temi di politica internazionale: dal dopo vertice di Lisbona al prossimo vertice Ue-Russia in programma a Bruxelles la settimana prossima, il 7 dicembre. E, ancora, l’Afghanistan, il Medio Oriente e il terrorismo internazionale.

Ansa