Repubblica: Gianni De Gennaro amico fidato dell’Fbi, direttore Mueller risponde alle accuse di Ciancimino

DE GENNARO AMICO DELL’FBI – Per quasi 30 anni Gianni De Gennaro è stato un amico fidato e un partner dell´Fbi e delle forze dell´ordine Usa»: queste le parole del direttore dell´Fbi, Robert S. Mueller, che ieri ha diffuso una nota per rispondere alle notizie apparse in questi giorni in Italia.

Il direttore del Dis, Dipartimento delle informazioni per la Sicurezza, ha aggiunto il direttore dell´Fbi, «è un leader che ha dato un contributo significativo alla lotta contro il crimine organizzato e il terrorismo, rendendo i nostri due Paesi più sicuri, agendo sempre con instancabile dedizione verso la giustizia e il rispetto della legge».

Il prefetto ed ex capo della Polizia, è stato chiamato in causa nei giorni scorsi da Massimo Ciancimino (figlio dell´ex sindaco colluso di Palermo, Vito Ciancimino) che lo ha definito «molto vicino» all´agente dei Servizi che, negli anni Novanta, avrebbe avuto un ruolo in una presunta trattativa tra lo Stato e l´organizzazione mafiosa Cosa Nostra, l´ormai noto “signor Franco”.

Ipotesi che, però, poi, incalzato dai pm di Caltanissetta, Ciancimino jr avrebbe ritrattato dicendo di ricordare alcuni sfoghi del padre, morto nel novembre del 2002, carichi di risentimento nei confronti dell´allora capo della polizia, colpevole di non aiutare la trattativa a prendere gli sbocchi desiderati da Totò Riina.

De Gennaro ha replicato annunciando una denuncia per calunnia contro Ciancimino.

Repubblica