Confessa l’assassino della ragazza cubana uccisa a Bagni di Lucca

CUBANA UCCISA A LUCCA: ASSASSINO CONFESSA – E’ stato arrestato oggi e ha ammesso subito le sue responsabilità Leonard Grifsha, il 24enne operaio albanese fermato dai carabinieri con l’accusa di aver ucciso con sette colpi di pistola la giovane cubana Cala Kaliannys Perez. L’omicidio è avvenuto in strada a Bagni di Lucca martedì scorso.
Le forze dell’ordine lo hanno cercato per tre giorni, durante i quali Grifsha è rimasto nascosto nei boschi della Garfagnana: è stato poi catturato mentre stava rientrando nella sua casa di Ponte al Serraglio, in provincia di Lucca. Molto probabilmente preparava la fuga in Albania.
Stando alle prime informazioni, l’assassino avrebbe agito spinto da un movente passionale: Grifsha e la Kaliannys si frequentavano da alcuni mesi ma lei aveva deciso di porre fine alla relazione. Ad inchiodare l’uomo ci sono le testimonianze dei passanti e della cugina della vittima, che martedì ha assistito all’omicidio.

Tatiana Della Carità