Legittimo impedimento: udienza rinviata a gennaio

LEGITTIMO IMPEDIMENTO: UDIENZA A GENNAIO – La Corte Costituzionale rinvierà l’udienza (e quindi non solo la decisione) sul ‘legittimo impedimento‘ il prossimo gennaio, in origine fissata il 14 dicembre, per “giudicare in un clima più tranquillo” vista la concomitanza con il voto di fiducia al governo in Parlamento. Lo ha detto il neopresidente della Consulta, Ugo De Siervo, in conferenza stampa. Il rinvio formale dell’udienza pubblica sul legittimo impedimento sarà deciso dalla corte il prossimo 14 dicembre, quando il collegio si riunirà per la prima volta. Tuttavia De Siervo già anticipa che lo slittamento sarà probabilmente per la data dell’11 gennaio o per quella del 25. Duplice il beneficio che si avrebbe da questo rinvio: da una parte consentire agli avvocati – parlamentari del premier Berlusconi, Niccolò Ghedini e Piero Longo – di partecipare all’udienza pubblica, visto che il 14 dicembre sono impegnati alle Camere per il voto di fiducia al Governo. Inoltre, in questo modo “si avvicina il momento dell’udienza pubblica a quello della decisione” della stessa corte. Infine, sottolinea De Siervo, “ci allontaniamo da un clima politico abbastanza surriscaldato“.
Il rinvio a gennaio dell’udienza sul ‘legittimo impedimento’ non è un “regalo” al premier Silvio Berlusconi, i cui tre processi (Mills, Mediatrade e Mediaset) sono rinviati almeno fino all’ottobre 2011 proprio grazie alla legge che la Corte Costituzionale dovrà giudicare. Lo assicura il neoeletto presidente della Consulta, Ugo De Siervo.

Fonte: Ansa