Oggi è il compleanno di Vinicio Capossela (14 dicembre 2010): il cantautore italiano compie 45 anni

OGGI E’ IL COMPLEANNO DI VINICIO CAPOSSELA – Compleanni vip e personaggi famosi del 14 dicembre

Vinicio Capossela nasce ad Hannover, in Germania, il 14 dicembre 1965 da genitori di origine avellinese.

Torna poco dopo in Italia con la famiglia. Cresce artisticamente nei circuiti underground dell’Emilia-Romagna, fino ad essere notato e lanciato da uno degli esponenti contemporanei della musica d’autore, Francesco Guccini. Vive da quasi 20 anni a Milano. Il nuovo millennio lo avvicina molto alla sua terra d’origine, l’Irpinia, e questo amore reciproco con la gente del luogo si concretizza con la cittadinanza onoraria concessagli dal comune di Calitri per onorare la sua grande genialità e creatività.

Debitore nella sua visionarietà poetica verso gran parte della letteratura del Novecento, Capossela ha scritto anche un libro, Non si muore tutte le mattine, uscito nel marzo 2004.

Biografia musicale – E’ il 1990 e per Capossela è il primo contratto discografico, dal quale nasce All’una e trentacinque circa, album che vanta il premio come migliore opera prima, assegnatogli dal Club Tenco.

L’anno successivo esce il secondo album, “Modì”, che porta l’artista in tutta Italia con il suo primo tour, mentre nel 1992 avviene l’incontro con il cinema. Capossela accetta una piccola parte nel film di Staino e Altan “Non chiamarmi Omar”, la cui colonna sonora è tratta dallo stesso “Modì”.

Il 1993 gli riserva una nuova esperienza: Paolo Rossi lo vuole come attore e autore delle musiche nel suo spettacolo teatrale itinerante Pop e Rebelot; una collaborazione, quella tra Capossela e Rossi, che si ripresenterà anche con Milanin Milanon.

Nello stesso anno il Club Tenco lancia un disco tributo a Vladimir Visotski, dal titolo “Il volo di Volodja” e Capossela non perde l’occasione per lasciare la sua impronta con il brano “Il pugile sentimentale”.

Le continue conferme che fioccano sulla sua vita artistica gli danno nuovi stimoli, e nel 1994 nasce il terzo album “Camera a sud”. Il 1995 trascorre tra concerti memorabili, come quello al Teatro de la Ville di Parigi, che registra il tutto esaurito. Nella primavera del 1996, Vinicio inizia le registrazioni del quarto album, “Il ballo di San Vito“, la cui promozione sarà motivo di due grandi concerti a Roma e Milano, nei quali Capossela si avvarrà del contributo musicale di Marc Ribot alla chitarra.

L’anno successivo parte da Lodigiano il tour teatrale de “Il ballo di San Vito”, nel corso del quale verranno realizzati alcuni filmati dai quali prenderà corpo in breve tempo un homevideo dal titolo “Liveinvolvo”. “Liveinvolvo” sarà anche il titolo del suo quinto album registrato con il supporto musicale della Kokani Orchestrar, mentre il 6 ottobre del 2000 esce il sesto album “Canzoni a Manovella“, da lui stesso prodotto con la collaborazione di Pasquale Minieri. Quest’ultimo album vanta la partecipazione di grandi nomi, tra i quali Marc Ribot, Ares Tavolazzi, Roy Paci, Pascal Comelade, e, come se non bastasse, ospita anche una soprano giapponese, Mayumi Torikoshi.

Dopo la raccolta “L’indispensabile” (2003) esce nel 2006 l’album “Ovunque proteggi” per il quale Capossela vince un premio Tenco. L’ultimo lavoro si intitola “Da solo” (2008).

Oggi 14 dicembre 2010 Vinicio Capossela compie 45 anni.