‘Ndrangheta: a Cosenza era la compagna polacca del boss a dirigere la cosca Bruni

‘NDRANGHETA: COMPAGNA POLACCA DEL BOSS BRUNI DIRIGEVA LA COSCA – Era la compagna polacca di Michele Bruni, Edyta Kopaczynska, di 29 anni, a dirigere gli affari della cosca nel periodo in cui il boss era detenuto. È quanto è emerso dalle indagini che hanno portato all’operazione condotta da carabinieri e polizia, con l’arresto di 47 persone (e non 49, come riferito in un primo tempo dagli investigatori). Dall’attività investigativa è emerso il ruolo significativo che Edyta Kopaczynska avrebbe svolto nella gestione degli affari della cosca Bruni, con un’influenza notevole non soltanto sul compagno ma anche sugli altri affiliati alla cosca, con spartizione di compiti e proventi delle attività illecite. Per farsi capire da tutti, tra l’altro, la polacca aveva imparato e si esprimeva in dialetto cosentino. Michele Bruni, finito in manette stamattina dopo che ieri aveva ottenuto gli arresti domiciliari perchè detenuto per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, era stato arrestato nel luglio del 2009 dalla Squadra mobile di Cosenza dopo un lungo periodo di latitanza. All’epoca, tra l’altro, Bruni era inserito nell’elenco dei cento latitanti più pericolosi diramato dal Ministero dell’Interno.

Fonte: Ansa