CITTADINI SCANDINAVI RECLUTATI DA GRUPPI ESTREMISTI ISLAMICI – Giovani scandinavi reclutati da gruppi estremisti islamici per mettere a segno attentati in Nord Europa: lo scrive il broadcaster norvegese NRK. Stavolta la minaccia ha un nome preciso: protagonista, infatti, è il gruppo somalo Al-Shabaab. In Norvegia questo nome non è nuovo: già nel 2008 tre persone furono arrestate con l’accusa di terrorismo per averlo finanziato. La polizia norvegese, scrive The Foreign, sospetta che ci siano ancora alcuni che spediscono soldi all’organizzazione. Al-Shabaab starebbe provando a portare il terrore fuori dai confini somali. E per farlo si vorrebbe avvalere proprio di cittadini scandinavi. Secondo la polizia svedese sarebbero una ventina gli affiliati al gruppo somalo in Svezia. Il Norvegia il numero dovrebbe essere inferiore. Un informatore anonimo che vive a Göteborg ha spiegato che il reclutamento avviene nelle moschee, senza che gli imam ne siano informati o complici. Sono soprattutto i giovani a cadere con più facilità nella rete del terrorismo: in particolare ad essere più influenzabili sono i somali di seconda generazione, come spiega a NRK il professor Stig Jarle Hansen, esperto di Somalia. Secondo lui ci sarebbero già cinque o sei giovani norvegesi tra le fila del gruppo terrorista.
Ma non si tratta solo di Al-Shabaab, né l’allarme di questi giorni è una novità. Già lo scorso aprile Janne Kristiansen, capo del servizio di sicurezza della polizia norvegese, aveva detto che alcune organizzazioni terroristiche somale, pakistane e afgane stavano reclutando giovani norvegesi per compiere attacchi terroristici in territorio scandinavo.

Antonio Scafati