Attentato contro una chiesa copta in Egitto: 21 morti e 40 feriti

ATTENTATO CONTRO CHIESA IN EGITTO – Il portavoce di Al Azhar, la più alta istanza dell’Islam sunnita, ambasciatore Rafaa Al Tahtawi, ha condannato l’ attentato contro la chiesa copta dei Santi di Alessandria, che ha fatto 21 morti e oltre 40 feriti, secondo il ministero dell’Interno.

Le stesse fonti indicano che il carico di tritolo utilizzato è stato valutato sui 100 chili ed è stato posto su un’auto di un copto parcheggiata davanti alla porta della chiesa. L’autobomba sarebbe esplosa due minuti dopo essere stata abbandonata dagli attentatori, facendo esplodere anche le automobili vicine.

Il portavoce ha affermato che questo attentato mira a colpire l’unità nazionale dell’Egitto e ha fatto appello a copti e musulmani a dare prova di saggezza, a mantenere la calma e a non cedere alle provocazioni. In un comunicato pubblicato dall’agenzia di stampa egiziana, il presidente egiziano Hosni Mubarak ha chiamato «gli egiziani, copti e musulmani, a conservare la loro unità di fronte alle forze terroristiche che minano la stabilità della patria e la sua unità».