Strage in Arizona: sparita la pagina Facebook in cui Sarah Palin aveva inserito Gabrielle Giffords tra i nemici da “abbattere”

STRAGE ARIZONA: SPARITA PAGINA FACEBOOK PALIN SOTTO ACCUSA L’EX GOVERNATRICE E I TONI DELLA POLITICA USA – La strage dell’Arizona è figlia del clima «al vetriolo» in cui da due anni a questa parte si svolge il dibattito politico in America. Così come affermato da Clarence Dupnik, sceriffo della Pima County di Tucson. All’indomani della sparatoria, esponenti politici di entrambi gli schieramenti propongono in modo convinto un generale «abbassamento dei toni» del dibattito.

E intanto è sparita la pagina di Facebook su cui Sarah Palin aveva inserito la deputata democratica, gravemente ferita, Gabrielle Giffords, fra i nemici da «abbattere».

Il leader della maggioranza repubblicana alla Camera, Eric Cantor, ha detto che sarà rinviato il voto sulla revisione della riforma sanitaria.

E in molti citano la Palin come esempio negativo del modo di fare politica. L’ex candidata repubblicana alla vicepresidenza dal marzo scorso aveva infatti pubblicato sulla sua pagina su Facebook una lista degli avversari politici «da abbattere»: una lista di nomi, accompagnata da una serie di «bersagli» da abbattere distribuiti su una mappa degli Usa. Tra questi bersagli figurava, al terzo posto, la Giffords. La stessa Giffords aveva denunciato pubblicamente l’iniziativa di Sarah Palin. «Siamo nella lista di Sarah Palin», aveva detto nel marzo scorso. «Il problema non è tanto questo, quanto il modo come lei lo ha rappresentato, mettendo un bersaglio sul nostro distretto. Quando si arriva a questo, bisogna essere consapevoli che ci saranno conseguenze».

Fonte: Ansa