ROMA SENSI –
Rosella Sensi ha parlato del compianto padre nella trasmissione Radio 2 SuperMax, condotta da Max Giusti. Queste le sue parole: “Per papà non era un lavoro fare il presidente, era una passione. Se la Roma perdeva, per esempio, a cena si stava tutti zitti e non si usciva. Solo dal martedì si iniziava a pensare alla gara successiva. Se ho mai avuto un fidanzato della Lazio? Sì, ma l’ho saputo dopo, eravamo ragazzini comunque. A casa mia era quasi una colpa. Non l’ho potuto dire a papà, gliel’ho detto dopo.  Se sono mai andata in Curva? No, papà ci voleva tutti vicino a lui. Chi prendeva buoni voti veniva allo stadio, gli altri a casa. La prima assemblea di Lega cui ho partecipato è stata con papà, l’anno successivo allo scudetto. All’inizio mi hanno visto con un po’ di diffidenza, poiché sono stata tra le prime donne nel calcio”.