Repubblica: Sbarchi clandestini: l’Unione Europea soccorre l’Italia, oggi vertice a Bruxelles

SBARCHI CLANDESTINI – L´Europa inizia a muoversi in aiuto dell´Italia. L´emergenza immigrati che presto potrebbe mettere in ginocchio le nostre coste e quelle degli altri paesi della riva settentrionale del Mediterraneo inizia a preoccupare anche Bruxelles. Il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, annuncia: «Chiederò agli Stati membri di mostrare solidarietà, dobbiamo rispondere al problema in modo europeo» perché le persone che scappano dalla Libia e dal resto del Maghreb «non vogliono andare in Italia, ma in Europa». Un´apertura alle pressanti richieste di soccorso giunte da Roma da verificare oggi a Bruxelles, dove si riuniranno i ministri degli Interni dei 27 ai quali Roberto Maroni porterà le richieste per fronteggiare la possibile crisi. Ma il governo prepara anche il piano nazionale per affrontare l´ondata profughi: è pronto a schierare le navi della marina per bloccare i barconi e ad aprire un corridoio umanitario in Cirenaica.

Intanto il governo si muove anche sul fronte interno. Oggi ci sarà una nuova riunione del comitato d´emergenza istituito martedì notte a Palazzo Chigi per ridiscutere gli accordi bilaterali con la Tunisia sui rimpatri (sono oltre 6mila gli immigrati arrivati dopo la caduta di Ben Ali). Si continua poi a lavorare sul recupero dei nostri connazionali bloccati in Libia: oggi dovrebbe decollare un altro aereo per Tripoli con a bordo forze delle unità speciali per aiutare l´evacuazione. Il governo ha chiesto alla Grimaldi una nave da mandare sotto scorta di vascelli militari a Bengasi per il recupero degli italiani e degli altri stranieri che lo richiederanno (ci sono molti cinesi). La Difesa sta preparando un ponte aereo per creare un corridoio umanitario a Misurata, in Cirenaica, chiamato a portare alla popolazione locale medicinali e dottori.

Repubblica