Al via l’incidente probatorio per la strage di Viareggio

STRAGE VIAREGGIO: INIZIA INCIDENTE PROBATORIO – E’ il 29 giugno del 2009 quando, poco prima della mezzanotte, un treno merci composto da 14 carri cisterna contenenti gpl deraglia nei pressi della stazione di Viareggio. La violenta esplosione che segue l’incidente fa crollare due palazzine e ne danneggia altre cinque, provocando inoltre la morte di trentadue persone. Oggi è iniziata nell’aula del tribunale di Lucca la prima udienza dell’incidente probatorio nell’ambito dell’inchiesta sulla strage: nel procedimento ci sono 38 indagati, tra cui figurano i vertici del Gruppo Fs (compreso l’amministratore delegato Mauro Moretti) e i responsabili delle ditte proprietarie del convoglio o che eseguirono manutenzioni o montaggi del carro che deragliò, cioè le società Gatx, Cima e Jugenthal.
La Regione Toscana si è costituita parte civile. Il governatore Enrico Rossi mostra però preoccupazione per le conseguenze che la riforma della Giustizia che il governo intende attuare potrebbe avere sul processo. “Mi auguro che la giustizia faccia il suo corso e lo faccia presto – dichiara Rossi – Con la riforma che il Governo vuole varare c’è il rischio, se il processo durerà più di 2 anni, che il reato di omicidio colposo plurimo cada in prescrizione”. Il presidente del tribunale Gabriele Ferro ha precisato che l’inizio del processo è previsto per l’estate del 2012 e che il primo grado potrebbe terminare alla fine dello stesso anno o a inizio 2013. 
Nell’udienza sono stati stabiliti i termini per la maxiperizia: l’incarico a due periti e consulenti per le parti lese.  La consegna delle perizie, in seconda udienza, avverrà tra fine luglio e metà ottobre.

Tatiana Della Carità