Pontedera: la Piaggio aprirà un nuovo magazzino con ricambi per tutto il mondo

PIAGGIO PONTEDERA RICAMBI PER TUTTO IL MONDO – La storica sede della Piaggio a Pontedera rinnova la struttura con un investimento di 40 milioni di euro per realizzare un grande magazzino di circa 65mila metri quadri nel quale accogliere nel 2012 nuovo centro ricambi di Piaggio che gestirà la logistica dei ricambi e degli accessori per il gruppo in tutto il mondo.
Alla posa della prima pietra era presente il presidente e Ad Roberto Colaninno. La nuova unità, responsabile di tutti i marchi e di tutte le linee di prodotto del gruppo, faranno riferimento gli altri centri ricambi asiatici e americani.
Il progetto consentirà, oltre al miglioramento della qualità del servizio (completamente gestito in modo informatizzato), la realizzazione di importanti risparmi di costo. A partire dall’inizio del 2013 sono infatti attese efficienze superiori al 35% rispetto all’attuale costo annuo di gestione dei magazzini. L’attivita’ prevista all’interno del nuovo polo industriale dedicato ai ricambi includerà il ricevimento delle merci, il confezionamento, lo stoccaggio dei pezzi di ricambio e la successiva spedizione ai concessionari del gruppo in Italia e all’estero.
I nuovi edifici svilupperanno una superficie complessiva di oltre 38.000 metri quadrati, ci saranno 25 mila metri quadri di area scaffalata per oltre 50 mila codici. ”In una fase complessa – ha spiegato Colaninno – dimostriamo di avere fiducia e lanciamo un importante investimento, cosa abbastanza rara in Italia. Siamo sicuri che avrà una ricaduta importante, speriamo che le istituzioni pubbliche apprezzino lo sforzo e seguano le strategie di sviluppo”, ha aggiunto tributando un plauso a Regione, Provincia e Comune che stanno operando ”in maniera straordinaria”. Piaggio, ha rilevato, e’ in ”forte evoluzione globale” ma ”Pontedera resta l’headquarter dell’attività”.
A proposito dei piani di Piaggio, Colaninno ha confermato il trasferimento della produzione di Derbi dalla Spagna a Scorze’ (Venezia), rilevando che per questo marchio ”ci aspettiamo un mercato europeo e americano, non e’ un prodotto per l’Asia”. Per quanto riguarda l’India, sarà prodotta là la Vespa per il mercato locale e sarà prodotto un quattro ruote su una piattaforma unica per analogo prodotto sviluppato nel vecchio continente. ”Stiamo rivedendo – ha annunciato Colaninno – più in alto il budget 2012 in India”.

Fonte: Asca