Moratoria nucleare, Di Pietro: “Raggiro per scavalcare referendum”

Antonio Di Pietro, presidente Italia dei Valori

NUCLEARE MORATORIA DI PIETRO –  Il presidente di Italia dei Valori, Antonio di Di Pietro non è concorde all’ipotesi di una moratoria sul ripristino di centrali nucleari in Italia, trapelata questo pomeriggio da alcune fonti attendibili del Governo.
Per Di Pietro, questa “mossa” governativa si rivela un chiaro raggiro per scavallare la data del referendum, e alla luce delle ultime vicende che hanno colpito il Giappone, incidendo profondamente sull’opinione pubblica rispetto al tema:  “Non può esserci moratoria che tenga e che possa fermare il referendum perché delle due l’una: o il governo cancella la norma che consente la costruzione di centrali nucleari sul territorio italiano o la mantiene. Ma la moratoria di un anno è un chiaro raggiro che serve a scavallare la data del referendum”, è quanto scrive in una nota Di Pietro promotore del referendum contro il nucleare in Italia.
“Insomma, l’unico vero scopo del governo è quello di fermare il temuto verdetto dei cittadini” sottolinea il presidente Idv che ribadisce che il suo partito “promotore del quesito referendario, andrà avanti con la sua battaglia contro quest’energia obsoleta, dannosa per la salute e per il territorio che riempie solo le tasche delle solite lobby economiche”.

Redazione online