Emergenza nucleare in Giappone: a Fukushima allarme per l’acqua radioattiva

GIAPPONE: ACQUA RADIOATTIVA A FUKUSHIMA – Sono trascorse due settimane dal terremoto e dallo tsunami che hanno devastato il Giappone e l’emergenza nucleare nel Paese resta irrisolta. Un nuovo allarme arriva dalla centrale di Fukushima, gravemente danneggiata dal sisma: acqua altamente radioattiva è stata rilevata nelle vasche di quattro reattori. L’agenzia Kyodo, citando la Tepco (la società che gestisce l’impianto), riferisce che la radioattività supera di 10mila volte i livelli normali. In queste ore si cerca di riprendere il controllo dei reattori per evitare che il sale cristallizzato dell’acqua di mare finora utilizzata per il raffreddamento possa corrodere le strutture di contenimento e formare una crosta sulle barre di combustibile, fungendo quasi da isolante e diminuendo così l’effetto del raffreddamento stesso. La società ha spiegato però che le operazioni di raffreddamento dei reattori con cannoni ad acqua e i lavori di ripristino delle pompe ad acqua elettriche avanzano lentamente lentamente a causa della pericolosità del sito. Il premier giapponese Naoto Kan ha poi precisato che la situazione nella centrale rimane “altamente imprevedibile”. “Stiamo lavorando – ha aggiunto – per evitare che non peggiori”.

Redazione online