Salerno: chiuso il canile lager Oasis Ciceralensi. Task force del Ministero della salute

Campagna Canili Lager, locandina

CANILE LAGER CICERALE – Una denuncia che risale al 2005, alla quale ha fatto seguito un primo intervento dei Nas nel 2008, dopo un reportage di Striscia la Notizia. Eppure, il canile lager “Oasis Ciceralensi” di Cicerale, in provincia di Salerno, ha proseguito, senza l’autorizzazione sanitaria, la sua attività di soprusi sui cani, per ben due anni. Ieri, una delegazione di volontari supportata dai Nas di Salerno, in una ‘task force’ promossa dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini, è finalmente riuscita a svuotare il canile e a metter in salvo i cani: “Quanto accaduto ieri a Cicerale – afferma la Martini – rappresenta un evento storico per la civiltà, frutto di una sinergia tra le forze sane del Paese. E’ un esempio da percorrere per tutte le altre situazioni critiche che ancora insistono sul territorio”.
Un dura battaglia per ripristinare la legalità avviata dal ministero della Salute in collaborazione con la Lega Nazionale per la Difesa del Cane, la Lav, l’Associazione Canili Lazio, Animals Asia Foundation, Oipa ed Enpa insieme a Chiliamacisegua.

Redazione