Vincent Candela: fenomenale fluidificante della Roma. Vinse uno scudetto con Capello

Vincent Candela

STORIA CALCIATORE

Candela, voilà doppio passo e se ne va, poi torna in difesa a da ‘na mano a Zebina. Cosi citava Brusco in una sua canzone.

Nacque a Bedarieux il ventiquattro ottobre del 1973. Tutto cominciò nel Tolosa quando debuttò da professionista nel 1992. Nel 1995 poi passò al Guingamp. Nel campionato francese in totale disputò centoquattro partite mettendo a referto cinque reti.

La sua vita calcistica cambiò notevolmente quando nell’estate del 1997 venne acquistato dalla Roma. I primi anni furono fenomenali sotto la guida tecnica di Zeman. Infatti il calciatore francese giocò ad alti livelli come terzino sinistro.

I tifosi amavano follemente il laterale per le sue gloriose sgroppate sulla fascia, per la sua qualità nel crossare e dribblare i giocatori una volta arrivato sul fondo.

Con l’arrivo di Fabio Capello cominciò ad essere utilizzato come esterno di centrocampo a sinistra, nonostante il giocatore fosse un destro naturale. Con la Roma vinse uno Scudetto e una Supercoppa Italiana e indossò la casacca giallorossa per ben duecentodieci volte riuscendo anche a siglare quindici reti.

Il francese andò via dalla capitale nel 2005 per sbarcare in Inghilterra alla corte del Bolton. Concluse la sua carriera da professionista nel Siena nel 2007.

Con la Nazionale francese riuscì nell’impresa di vincere sia il Campionato del Mondo nel 1998 che l’Europeo nel 2000. Con i galletti scese in campo in quaranta occasioni mettendo la sua firma cinque volte.

Alessandro Santelli