TERREMOTO L’AQUILA: RINVIO A GIUDIZIO PER COMMISSIONE GRANDI RISCHI – Sono di omicidio colposo plurimo e lesioni le accuse con cui il Tribunale dell’Aquila ha proceduto al rinvio a giudizio dei membri della Commissione Grandi Rischi. Le accuse formulate sono relative al terremoto che il 6 aprile del 2009 ha devastato il capoluogo abruzzese e numerosi comuni limitrofi. Gli imputati sono sette: si tratta del numero due del settore tecnico del dipartimento di Protezione Civile Bernardo De Bernardinis, del numero uno dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Enzo Boschi, del presidente della Commissione stessa Franco Barberi, del professore di fisica Claudio Eva, del direttore del dipartimento rischio sismico della Protezione civile Mauro Dolce, del direttore di Eucentre Gian Michele Calvi e del direttore del Cnt (Centro nazionale terremoti) Giulio Selvaggi. Gli imputati avrebbero realizzato “una valutazione del rischio sismico approssimativa, generica e inefficace in relazione alla attivita’ della commissione e ai doveri di prevenzione e previsione del rischio sismico” e avrebbero fornito “informazioni imprecise, incomplete e contraddittorie sulla pericolosita’ dell’attivita’ sismica vanificando le attivita’ di tutela della popolazione”. Le famiglie delle vittime del sisma si sono dette soddisfatte, mentre i legali degli imputati hanno promessoche daranno “battaglia” in aula. L’udienza si terrà il 20 settembre.

Redazione online