Il Mar Glaciale Artico

ACCORDO TRA NORVEGIA E RUSSIANorvegia e Russia hanno ratificato il trattato che regolamenta i confini dei due paesi nel Mar Glaciale Artico e nel Mare di Barents, e disciplina la cooperazione tra i due stati nel campo della pesca e della esplorazione petrolifera. La cerimonia ufficiale c’è stata ieri, nel castello di Akershus, a Oslo: il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e quello norvegese Jonas Gahr Støre hanno posto l’ultima firma a un trattato la cui discussione è andata avanti a lungo.

Sia il parlamento norvegese che quello russo hanno già dato il via libera: dal prossimo 7 luglio i nuovi accordi saranno operativi. “È una pietra miliare e un giorno storico per la Norvegia. Le nostre frontiere terrestri e marittime sono finalmente stabilite” ha detto Støre: “Con questo trattato diamo prova al mondo che le controversie sui confini possono essere risolte pacificamente”. “L’accordo è vantaggioso per entrambi, equo e conforme alle norme del diritto internazionale” ha aggiunto Sergei Lavrov.

Il trattato garantirà che la cooperazione russo-norvegese sulla pesca possa proseguire; amplia la cooperazione nel campo della cantieristica navale; disciplina soprattutto il tema più importante legato ai mari del Nord, quello del petrolio. “Il trattato getta le basi le attività di esplorazione petrolifera e di cooperazione anche in settori del Mare di Barents finora chiusi” ha proseguito Støre: “Si tratta dell’inizio di un nuovo capitolo nella cooperazione con il nostro vicino russo. Norvegia e Russia continueranno a lavorare per uno sviluppo sostenibile in questa regione del mondo” ha concluso il ministro degli Esteri norvegese.

Antonio Scafati