Vacanze estive 2011, Portorico: un paradiso da cartolina

Spiaggia Portorico

VACANZE ESTIVE 2011 PORTORICO – Tutti sono alla ricerca della meta perfetta dove trascorrere le proprie vacanze estive. Mare, montagna e città, tante sono le possibili opzioni messe a disposizione da compagnie aeree e dalle attività alberghiere. Ovviamente la meta maggiormente scelta è quella che include il mare e nello specifico una che sicuramente farà gola a tanti è Portorico.

La più piccola delle isole delle Grandi Antille, la ricchezza culturale e paesaggistica di questa terra è unica nel suo genere, senza contare gli insediamenti di diverse popolazioni che rendono la cultura del posto un mix tra la latinità mediterranea e la tradizione africana.
I suggestivi rilievi insulari formano la cosiddetta Cordigliera Centrale che da ovest ad est arriva fino alla Sierra di Luquillo, sovrastata dal monte El Yunque (1067m).
Le città più consigliate sono: San Juan, Arecibo, Mayaguez Ponce e Caguas.

Per gli appassionati delle lunghe passeggiate, San Juan, con i suoi edifici in stile coloniale e le stradine ricolmi di negozi caratteristici, è sicuramente il posto migliore. La vecchia città è anche la più densamente popolata e questo comporta che spesso è possibile incontrare gruppi di persone che si muovono a ritmo di salsa, merengue e molti altri balli sudamericani.
Per coloro che vogliono anche studiare la storia della città, alcuni monumenti o edifici non possono essere tralasciati. Degni di nota in particolar modo sono la Porta di San Juan, il castello di San Felipe del Moro e il castello di San Cristobál, che poi è dove si trovano le spiagge più belle come le famose distese di sabbia bianca della Playa Escambrón a Isla verde.

Se amate riposarsi immersi in una natura quasi incontaminata le isole di Culebra e di Mona sono particolarmente adatte. Entrambe hanno da offrire bellezze naturali, una fauna marina spettacolare e un’acqua cristallina da cartolina.
Numerose sono le escursioni organizzate in queste zone dato il patrimonio ambientale inestimabile, come ad esempio nella foresta pluviale del monte El Yunque e in quella di Toro Negro.

Insomma riuscire a sfuggire a questo paradiso sembra davvero essere impossibile. palma e cocktail  con l’ombrellino vi aspettano.

Redazione