Benedetto XVI in Spagna: incontro conciliante con Zapatero, stasera veglia all’aeroporto “Cuatro Vientos”

BENEDETTO XVI IN SPAGNA – Terzo giorno di visite da parte di Benedetto XVI in Spagna, che stamane impartirà personalmente le confessioni a tre ragazzi della Giornata Mondiale della Gioventù (Gmg) estratti a sorte e terminerà la giornata con una veglia serale all’aeroporto ‘Cuatro Vientos’ che dovrebbe terminare intorno alle ore 22:30. In mattinata, inoltre, papa Ratzinger terrà una messa nella cattedrale di Almudena, al termine della quale incontrerà il presidente del Partito popolare Mariano Rajoy Brey, il leader del maggior partito d’opposizione. In programma per oggi anche un pranzo in forma privata con i cardinali di Spagna, i vescovi della provincia di Madrid e il seguito papale; nel pomeriggio, infine, incontrerà gli organizzatori della Gmg e la Fondazione istituto San Josè, che assiste persone affette da handicap mentali e fisici.

Nella giornata di ieri, fra i vari appuntamenti, Benedetto XVI ha incontrato il presidente spagnolo Luis Zapatero, personaggio politico inviso al Vaticano. Tra i due si tratta sicuramente dell’ultimo incontro ufficiale, in quanto il leader socialista non si ripresenterà alle prossime elezioni anticipate del 20 novembre. I due hanno parlato del problema della fame in Africa, della crisi mediorientale, di disoccupazione, crisi economica e libertà religiosa, mentre non si è fatto cenno alle storiche problematiche riguardanti i diritti degli omosessuali, l’aborto e il divorzio ‘diretto’. Un incontro dai contorni alquanto concilianti, secondo il quotidiano “El Pais”, dovuto anche al tentativo di trovare un accordo comune sul mausoleo del dittatore Franco presente nella Valle dei Caduti, un imponente complesso che ospita una basilica benedettina scavata nella roccia, voluta dal dittatore nazionalista ed edificata con la forza-lavoro di migliaia di detenuti politici. Al centro della basilica vengono ospitati i resti di Francisco Franco insieme alle spoglie mortali di migliaia di vittime del regime nazionalista, sepolte contro il volere dei familiari. Zapatero avrebbe chiesto al Papa di trovare una soluzione ‘bilaterale’ per rimuovere i resti del Caudillo e fare della Valle dei Caduti un luogo di riconciliazione.

 

Luigi Ciamburro