Marchionne appoggia Montezemolo: “Se scendesse in politica lo sosterrei”

Sergio Marchionne

MARCHIONNE APPOGGIA MONTEZEMOLO IN POLITICADopo aver criticato, qualche settimana fa, il premier Silvio Berlusconi e il governo, sostenendo la necessità di una leadership più forte, Sergio Marchionne torna a parlare della situazione politica italiana. L’amministratore delegato della Fiat ha considerato l’ipotesi di una possibile ‘discesa in campo’ di Luca Cordero di Montezemolo, assicurandogli il proprio sostegno. “Non escludo – ha dichiarato – la possibilità che ci entri (in politica, ndr) , e se lo facesse, nonostante il mio consiglio di non farlo, avrebbe personalmente il mio appoggio. È una brava persona. So che a livello internazionale è conosciuto, ha una grandissima credibilità come personaggio. Ha la capacità di crearsi intorno una grandissima squadra in grado di vincere e l’Italia ha bisogno anche di questo”.

Parlando a margine del meeting in corso a Rimini, l’ad del Lingotto ha poi fatto riferimento agli obiettivi dell’azienda. “Per ora confermiamo i target – ha detto – Non li rivedremo finché non chiudiamo il terzo trimestre”. In merito alla possibilità di trasferimento della sede in Olanda, di cui hanno parlato i media nei giorni scorsi, Marchionne ha affermato che “non è un’idea della Fiat”. “Non so come nascono certe idee”, ha proseguito.

Redazione online