Manovra, vertice di maggioranza a palazzo Grazioli: il governo ricorrerà ancora alla fiducia

Giulio Tremonti e Silvio Berlusconi

MANOVRA : GOVERNO METTERA’ LA FIDUCIA – Della possibilità che il governo scegliesse di ricorrere ancora una volta alla fiducia, l’ennesima in questa legislatura, per l’approvazione economica se ne parlava già da qualche giorno e, evidentemente, le voci al riguardo avevano qualche fondamento. Nel primo pomeriggio il premier Silvio Berlusconi ha incontrato a palazzo Grazioli i ministri Giulio Tremonti e Roberto Calderoli, i sottosegretari alla presidenza del Consiglio Gianni Letta e Paolo Bonaiuti e i capigruppo del Pdl alla Camera e al Senato Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri proprio per discutere del testo che ha suscitato tante polemiche e delle eventuali modifiche da apportare. I tempi sono strettissimi, come ha ribadito il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha anche invocato l’inserimento all’interno del decreto di misure più credibili ed efficaci.
L’esecutivo in queste settimane non è riuscito a portare a casa risultati concreti, affogando in un mare di indecisioni e ripensamenti dell’ultimo minuto, di provvedimenti annunciati e ritirati, di accordi sottoscritti e infranti nel giro di poche ore. E ancora non c’è nulla di certo, perché la manovra potrebbe cambiare faccia di nuovo: non è infatti escluso che il governo decida di mettere mano all’Iva e di inserire il contributo di solidarietà.
Intanto un comunicato diffuso dalla presidenza del Consiglio fa sapere che per le 18 di oggi è stato convocato il Consiglio dei ministri, che deciderà in merito all’autorizzazione del voto di fiducia.

Tatiana Della Carità