Crisi economica, Confcommercio: in quattro anni una famiglia media ha perso 10 mila euro

Confcommercio

CRISI ECONOMICA CONFCOMMERCIO – La crisi di governo che sta mettendo in ginoccio l’esecutivo non è l’unico male di questa Italia, infatti di anno in anno le famiglie si trovano a fare i conti sempre di più con bollette salate e rincari su ogni genere di bene. La crisi economica sta ormai padroneggiando da tempo e a tirare le somme di questa desolante situazione è stata Confcommercio, la quale attraverso il suo ufficio studi, capeggiata dal direttore Mariano Bella, ha spiegato che negli ultimi quattro anni una famiglia italiana, composta in media da tre persone, si è vista sottrarre da questa economia nera all’incirca 10 mila euro se considerati i redditi e l’andamento finanziario.

Prevediamo un’ulteriore riduzione dei redditi disponibili anche per il 2012 e il 2013 anche per un aumento delle imposte legato alle ultime manovre“, ha spiegato Bella.

Intanto nell’arco di tempo che va dal 2008 al 2011 il reddito procapite è sceso del 7% con conseguente riduzione in moneta di 1.260 euro a persona. Per quanto riguarda la situazione finanziaria procapite, come ad esempio fondi pensione o conti correnti bancari, si è stimata una perdita del 3%, pari a circa 3mila euro a persona.

Infine dopo il giudizio negativo di Standard & Poor’s a fine settembre, ecco abbattersi una nuova ondata negativa sull’Italia. Ieri sera infatti il debito pubblico italiano, è stato declassto dall’agenzia di rating Moody’s, da Aa2 ad A2, con outlook negativo, ossia con previsioni future negative.

L. B.