Barroso conferma: l’Italia sarà monitorata dal Fondo Monetario Internazionale

Il Presidente della Commissione Ue Barroso e il Presidente del Consiglio europeo Van Rompuy

ITALIA MONITORATA DA FMI – Come già anticipato questa mattina da alcune indiscrezioni, l’Italia sarà monitorata sull’attuazione delle riforme anti crisi dal Fondo Monetario Internazionale. Dopo l’iniziale smentita del governo italiano, la conferma è arrivata dal presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, che nel corso del G20 di Cannes ha dichiarato: L’Italia ha deciso di sua iniziativa di chiedere al Fondo monetario internazionale di monitorare i suoi impegni”. Barroso ha sottolineato la volontarietà della decisione italiana, aggiungendo che per Bruxelles si tratta di un passo importante. “Nelle prossime settimane – ha proseguito il Presidente della Commisione Ue – monitoreremo la situazione dell’Italia e la sua capacità di rispettare gli impegni“, presi nel vertice europeo dello scorso 26 ottobre a Bruxelles.

A Barroso ha fato eco il Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy che ha detto che “l’Italia ha invitato l’Fmi a verificare ogni trimestre, in collegamento con il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, l’attuazione delle misure” anticrisi. Misure che il nostro governo si è impegnato a varare con la lettera d’intenti inviata la scorsa settimana all’Unione europea. Van Rompuy ha poi aggiunto che il nostro paese ha “soprattutto dato alla Commissione europea la missione di verificare le misure in modo dettagliato e di vigilarne l’esecuzione“.

Il Presidente della Ue ha poi tenuto a precisare che  “la situazione dell’Italia è completamente diversa dalla Grecia” e che il nostro Paese non ha ricevuto alcun “diktat”.

Redazione