Camera, Berlusconi ammette la mancanza dei numeri

Gianni Letta a Silvio Berlusconi

BERLUSCONI SU MAGGIORANZA CAMERA – Dopo il voto di oggi alla Camera sul Rendiconto generale dello Stato, di cui il governo ha ottenuto l’approvazione, ma solo con il voto favorevole di 308 deputati (gli altri 321 non hanno votato, mentre la maggioranza alla camera è di 316), il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha ammesso che “c’è un oggettivo problema dei numeri“. Ora dobbiamo riflettere su cosa fare, avrebbe detto il premier ai suoi parlamentari.

Berlusconi ha lasciato l’Aula di Montecitorio ed è stata subito convocata una riunione di emergenza del governo a Palazzo Chigi con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta.

Il Ministro della Difesa Ignazio La Russa ha ammesso che, dopo il voto di oggi, il presidente Berlusconi dovrà parlare con il Capo dello Stato Napolitano. “Nessuno sottovaluta il voto di oggi – ha detto La Russa – ma l’opposizione continua ad avere un numero di voti inferiore ai nostri“.

Questo pomeriggio, dopo il voto, chi ha visto Berlusconi da vicino lo ha descritto come “frastornato”. Tuttavia, pare che il premier sia determinato ad andare
il voto di fiducia alla Camera.

Redazione