Nuova scossa di terremoto in Turchia: le vittime salgono a dieci, morto anche un soccorritore giapponese

TERREMOTO IN TURCHIA – Sono saliti a dieci i morti della nuova scossa di terremoto che ha colpito ieri sera la provincia di Van nelle Turchia orientale, già martoriata dal terremoto del 23 ottobre scorso. Il bilancio delle vittime è aggiornato alle 14 di oggi, ora locale, ed è stato reso noto dalla Protezione civile turca (Afad). I feriti sono al momento 27. Sulla zona del sisma sono al lavoro circa 785 soccorritori.

La nuova scossa, di magnitudo 5,6 della scala Richter, ha provocato il crollo di 25 edifici, fortunatamente solo tre di questi erano abitati, poiché tutti gli altri erano stati già evacuati dopo il terremoto del 23 ottobre. Nella notte sono state tratte in salvo 24 persone dai tre edifici, due alberghi e un palazzo residenziale. Molti i giornalisti che alloggiavano negli alberghi per seguire le vicende del terremoto di ottobre. Al Bayram Hotel, uno dei due alberghi crollati, alloggiavano anche i componenti delle squadre di soccorso straniere, tra loro due giapponesi estratti vivi dalle macerie, uno dei quali però è deceduto in ospedale. Si tratta di Atsushi Miyazaki, componente dell’Associazione umanitaria giapponese «Aar» che nella provincia di Van sta contribuendo ai soccorsi delle popolazioni colpite dal sisma di ottobre. Il Giappone è uno dei 30 paesi che sono andati in aiuto della Turchia dopo il sisma del 23 ottobre.

Nella provincia di Van le abitazioni crollate o divenute inagibili per il precedente terremoto erano già più di 8.000 all’interno di circa 5.700 edifici. Secondo un sismologo, i crolli di ieri sono sarebbero dovuti alle lesioni già causate dal terremoto di ottobre. Nelle ultime settimane nella zona si sono verificate oltre 2.300 scosse di assestamento, di cui almeno sette di magnitudo fra 5 e 6.

Il terremoto di ieri, stando al servizio geologico di Istanbul, ha avuto una magnitudo di 5.6 gradi Richter, mentre secondo il servizio geologico statunitense (Usgs) la magnitudo sarebbe stata di 5.7 gradi. L’epicentro della nuova scossa è stato individuato nel distretto di Edremit, a circa quindici quindicina di chilometri da Van, capoluogo dell’omonima provincia.

Le scuole, chiuse in questi giorni per una festività islamica, riapriranno il 5 dicembre prossimo, secondo disposizione del Ministero dell’Istruzione turco.

Redazione